Valori e responsabilità ~ Caseificio Castellan Urbano
17721
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-17721,,vertical_menu_enabled, vertical_menu_hidden,vertical_menu_hidden_with_logo, vertical_menu_width_350,qode-title-hidden,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.9,qode-theme-bridge,qode_advanced_footer_responsive_1000,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
I valori di chi ancora oggi crede e pratica la vera, autentica tradizione dell’arte casearia.

Intraprendenza e ottimismo, senso di responsabilità nel produrre “cose che le persone mangiano, uguali a quelle che diamo ai nostri figli”.

Abbiamo sempre messo in primo piano le persone invece del profitto e crediamo fortemente che ci voglia “il giusto tempo per fare formaggi buoni e sani”.

 

Urbano Castellan ci ha trasmesso il valore della trasparenza nella produzione, come scelta di qualità assoluta. Ha puntato sulla creazione di un ambiente in cui tutti potessero avere i mezzi necessari per “far bene il proprio lavoro”, investendo, nonostante il successo ottenuto, nel mantenimento delle peculiarità dei formaggi già esistenti più che nell’incremento della produzione.

La lezione del fondatore è stata accolta dalle figlie, che hanno creato la linea Castellan Urbano, dedicata esclusivamente ai canali di vendita in grado di valorizzare queste eccellenze che, per selezione delle materie prime, modalità di lavorazione e per risultato sensitivo, si possono definire “di nicchia”.

«Fa’ puìto, che xè roba che a zente magna!»

Ancora oggi Urbano Castellan ama ripetere questa raccomandazione, camminando nelle ampie sale del caseificio.
Fa’ puìto, ovvero “fai pulito”. Un monito semplice e preciso, che nel dialetto veneto significa “sii onesto”, “comportati bene”. Due parole che racchiudono tutta l’essenza del marchio Castellan.

“Fare puìto” per Castellan significa lavorare con passione, creatività e serietà, nel massimo rispetto del consumatore. Perché non bisogna mai sottovalutare
la responsabilità di produrre roba che “a zente magna”, ovvero cose che le persone mangiano.

Lo sanno i suoi collaboratori, che ogni giorno lavorano il latte proprio come si faceva in origine, quando l’azienda scelse di puntare tutto sulla genuinità, preferendo l’alta qualità dei formaggi anziché la quantità.

 

Lo sanno soprattutto le figlie Sonia, Manola e Sara, che hanno raccolto con tenacia e spirito d’innovazione il testimone passato dal fondatore e da mamma Armida.

 

Tre donne, tre imprenditrici appassionate di buona cucina, che hanno saputo unire la maestria dell’arte casearia alla ricerca continua di prodotti pregiati e insoliti da abbinare ai propri formaggi, studiando ricette gourmet per valorizzarne il sapore.

La responsabilità che guida le nostre scelte quotidiane.

Ciò che ci ha sempre caratterizzato è la consapevolezza della grande responsabilità che comporta la lavorazione di generi alimentari, la scelta conseguente di rispettare un codice etico tramandato negli anni.

L’attenzione nella scelta del latte di mucca e di capra, raccolto quotidianamente da diciassette stalle selezionate e certificate.

 

Il rispetto del benessere comune, l’igiene e la cura dell’habitat e degli ambienti di produzione, l’attenzione costante allo stato di salute degli animali.

 

La trasparenza nella rintracciabilità delle materie prime e della filiera di produzione, per garantire la tutela della sicurezza alimentare.

 

La precisione nel misurare gli unici tre ingredienti aggiunti, ovvero sale, caglio e fermenti, al fine di ottenere un livello qualitativo ottimale sia nelle caratteristiche nutrizionali che sensoriali.

 

La decisione di non aggiungere alcun tipo di conservante e di non ricorrere a sofisticazioni, atte solo ad aumentare peso e durata, perché il prodotto sia assolutamente sano, oltre che buono.

 

La pazienza nel seguire passo dopo passo tutte le fasi di una lavorazione che ha una gestualità antica, affinché il sapore di ogni formaggio rimanga immutato e fedele a se stesso.

 

La cura nel confezionamento e nella conservazione, perché il prodotto arrivi sempre puro e naturale nelle tavole di chi lo sceglie.

 

La filosofia del cibo come cultura, promossa attraverso corsi di cucina, degustazioni guidate, eventi culinari mirati alla conoscenza e alla diffusione delle eccellenze alimentari.